4023

Modena parte con Bruno in regia e Sabbi opposto, Ngapeth e Urnaut sono le bande, Holt e Daniele Mazzone al centro, Rossini il libero. La Lube risponde con Christenson-Sokolov, Juantorena-Kovar in banda, Candellaro e Cester sono i centrali, Grebennikov è il libero.
Parte forte Modena con Bruno che chiama in causa Sabbi, subito protagonista, poi è magia di Ngapeth, 1-4. Si rialza subito la Lube con una buona gestione degli avanti di Christenson, 4-6 e match avvincente. Scappa via l’Azimut con Bruno che porta in partita alla grande Holt e Mazzone oltre a Urnaut, 4-11. Non si ferma Modena che sfrutta l’ottima gara anche a muro dei suoi uomini, 9-18 e break importante. Continua il match con l’Azimut che mantiene il controllo del parziale, Holt mura Christenson, Sokolov spara fuori, 11-22. Daniele Mazzone chiude il primo set a favore dei gialli con il punteggio di 16-25. Ottima la prova di Modena con Urnaut che chiude il primo parziale con il 60% in attacco e 7 punti, molto bene anche Rossini che ha giocato con un 75% di ricezione perfetta.
Nel secondo parziale l’Eurosuole spinge forte la Lube che va sull’8-4 grazie ad un ottimo Juantorena ed all’apporto dei centrali Cester e Candellaro. Non si ferma Civitanova e coach Stoytchev chiede il timeout sull’11-5. Kovar e Sokolov attaccano con ottime percentuali, Modena soffre, 15-9. L’ace di Ngapeth, tra i protagonisti del primo parziale porta Medei, alla sua prima da head coach di Civitanova, a chiamare il timeout, 16-11. E’ uno strepitoso recupero ancora di Ngapeth, in questo set il migliore di Modena, a portare i gialli sul 18-13. La Lube fa la voce grossa nel finale di set, si va sul 20-17 con Stankovic. La Lube chiude 25-19 il secondo set portando sull’1-1 la gara.
Il terzo set inizia con le squadre che giocano punto a punto, il 6-6 arriva dopo scambi spettacolari, splendido il muro di Sabbi, 6-7. Piazza il break Modena con Bruno che serve alla grande i suoi avanti, 12-16 e Stoytchev alterna Rossini e Tosi nel ruolo di libero. Con tre punti dopo azioni combattutissime la Lube torna sotto e riduce ad una lunghezza il gap, 15-16. Juantorena e compagni mettono la freccia grazie ad un grande lavoro in ricezione e contrattacco, 20-19. Kovar piazza il punto del 24-22 Lube, Ngapeth sbaglia il servizio, la Lube vince 25-23 il terzo parziale e si va sul 2-1.
Il quarto set inizia ancora nel segno dei padroni di casa che si portano avanti 6-4 con Modena che fatica a contenere Sokolov e compagni. Stoytchev inserisce Van Garderen per Urnaut e l’olandese ha un buon impatto col match, 9-6. Tiene alti i giri del motore la Lube, che non molla una palla, 14-9 e i marchigiani mettono un break importante. Scappa via Civitanova con una magia di Christenson, 19-12. Rialza la testa l’Azimut, muro di Ngapeth su Sokolov, 20-17. Non molla Modena, che ci mette cuore e tecnica, 21-20 e set riaperto. Sabbi mette a terra una palla difficile, 23-22. La Lube chiude il set 25-22 ed il match 3-1.

CUCINE LUBE CIVITANOVA - AZIMUT MODENA 3-1 (16-25, 25-19, 25-23, 25-22)

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 20, Candellaro, Sander 2, Juantorena 17, Stankovic 6, Kovar 12, Grebennikov (L), Christenson 4, Cester 6. Non entrati Marchisio, Casadei, Milan, Zhukouski. All. Medei.

AZIMUT MODENA: Mossa De Rezende 3, Argenta, Van Garderen 1, Tosi (L), Rossini (L), Ngapeth 16, Sabbi 17, Holt 7, Urnaut 10, Mazzone 8. Non entrati Franciskovic, Bossi, Marra, Pinali. All. Stoytchev.

ARBITRI: Saltalippi, Vagni.

NOTE - Spettatori 4023, incasso 69700, durata set: 24', 27', 31', 31'; tot: 113'.

Coach Stoytchev: “E’ la prima gara della stagione e sapevamo che potevamo andare in difficoltà, non siamo riusciti a sfruttare alcuni momenti importanti, dobbiamo lavorare e affinare i meccanismi di squadra, dobbiamo alzare il livello del nostro gioco e sarà possibile farlo con tanta applicazione, in campo e in palestra”


Bruno Mossa De Rezende: “Sapevamo che sia noi che loro avremmo incontrato delle difficoltà, La Lube è stata più brava di noi e faccio i complimenti a loro. Noi, comunque, usciamo a testa alta e siamo già pronti per domani. Mi piace vincere, piace vincere a tutta la squadra ed è l’unica cosa che vogliamo fare”


Tine Urnaut: “Abbiamo fatto un grande primo set poi siamo calati e nel secondo non siamo riusciti a contenerli. Siamo alla prima gara, ci sono equilibri da trovare, equilibri che Civitanova aveva già invece, essendo la stessa squadra che tanto bene ha fatto lo scorso anno. Ci metteremo subito al lavoro per migliorare e raggiungere il livello di gioco che ci chiede il coach”