E alla fine, dopo una battaglia durata oltre 2 ore, l’Azimut Modena si impone sulla Diatec Trentino nella finale per il terzo posto della Del Monte Supercoppa 2017. Bruno e compagni hanno vinto con un 3-1 che ha visto un finale di quarto set di altissimo livello con il parziale chiuso sul 30-32.
Coach Stoytchev parte con Bruno in regia e Sabbi opposto, Ngapeth e Urnaut sono le bande, Holt e Daniele Mazzone al centro, Rossini il libero, Trento risponde con la diagonale Giannelli/Vettori, in banda Lanza e Uros Kovacevic, al centro Zingel/Eder, libero De Pandis.
Parte bene Modena con Bruno che trova subito un’ottima intesa con Urnaut, Rossini difende bene, poi è punto Sabbi, 5-8. Trova il ritmo la Diatec che con un buon Kovacevic accorcia le distanze arrivando al 9-11. Continua a macinare gioco l’Azimut, che trova buone risposte anche al centro con Mazzone e Holt, 14-17. Roccambolesco il 15-20 Modena con Holt che tiene il pallone di testa, poi Ngapeth ha la meglio nell’uno contro uno a rete. Splendido il 19-23 di Ngapeth arrivato dopo il grande recupero di Urnaut. Modena chiude il set 20-25.
Nel secondo parziale Trento parte alla grande, poi Modena alza i giri e Bruno trova i suoi avanti che rispondono presente, 6-7 e l’Azimut c’è. Doppio ace di Sabbi che trova l’incrocio delle righe, 10-13. Restano avanti i gialli che alzano i giri del motore, 15-19 con coach Stoytchev che nel parziale alterna Rossini e Tosi in ricezione e difesa nel ruolo di libero. Non ci sta Trento che prima pareggia e dopo trova il sorpasso poi è un super punto di Ngapeth a fissare il 20-20. Continua il punto a punto nel finale di set e si arriva al 24-24. E’ un ottimo Sabbi (che chiuderà con 22 punti ed il 48% in attacco) a chiudere il parziale sul 24-26 con Modena che va sullo 0-2.
Il terzo parziale inizia sulla falsa riga del secondo con le due squadre che giocano punto a punto, 7-6 avanti Trento. Piazza un buon break Trento che va sul 13-10 con Modena che fatica in questo passaggio a tenere il passo di Lanza e compagni. Strepitosa difesa di Tosi, primo tempo spettacolare Bruno-Holt, 15-14. Stoytchev chiama il timeout sul 22-19 e Modena torna in campo per cercare il recupero. Trento chiude il terzo set 25-23 e si va sull’1-2.
Si parte nel quarto set e Trento si porta avanti 5-4 con Giannelli che si affida a Kovacevic e Lanza con grande continuità. L’11-11 di Ngapeth è una magia che il francese sciorina con l’Eurosuole che applaude a scena aperta. E’ ancora break Trento che spacca il set e scappa sul 16-13. Non si fermano Giannelli e compagni, 20-16 e set che pare indirizzato. L’Azimut ci mette cuore e tecnica, Bruno e compagni si rialzano e riaprono il parziale portandosi sul 22-22. Trento si porta sul 25-24 dopo un errore di Ngapeth che si riscatta alla grande nel punto del 28-28. Un grande Sabbi mette a terra il 30-31. Urnaut chiude il set sul 30-32 ed è 1-3 finale.

DIATEC TRENTINO - AZIMUT MODENA 1-3 (20-25, 24-26, 25-23, 30-32)
DIATEC TRENTINO: Kovacevic 18, Hoag, Kozamernik 5, Cavuto, Vettori 19, Chiappa (L), Giannelli 3, Lanza 13, Zingel 3, Teppan, Carbonera 7, De Pandis (L). Non entrati Partenio. All. Lorenzetti.
AZIMUT MODENA: Mossa De Rezende 1, Argenta, Rossini (L), Ngapeth 22, Sabbi 22, Holt 6, Urnaut 12, Mazzone 5. Non entrati Franciskovic, Van Garderen, Tosi, Bossi, Marra, Pinali. All. Stoytchev.
ARBITRI: Vagni, Saltalippi.
NOTE - durata set: 27', 31', 31', 37'; tot: 126'.

Coach Stoytchev: "Era una gara complicata, non è facile giocare due giorni di seguito ed in particolare farlo dopo la delusione di ieri. Ho ricevuto buone risposte nel contrattacco, ma non siamo riusciti ad avere un cambio palla fluido. Sabbi? E' un giocatore che dà sempre tutto, in allenamento e partita, ed ha risposto alla grande, è ovvio che per avere i migliori meccanismi in attacco occorre tempo, ma sono molto soddisfatto del suo inizio di stagione"


Giulio Sabbi: "E' una vittoria che ci dà sicurezza in più, abbiamo giocato contro una squadra importante e siamo stati bravi a non mollare mai, domenica iniziamo il campionato e vogliamo assolutamente farlo con il piede giusto"


Earvin Ngapeth: "Quella di oggi era una partita difficile, abbiamo iniziato bene, poi loro sono cresciuti ed abbiamo chiuso la gara con un punto a punto difficile. Io mi sento bene, penso che abbiamo lavorato bene tutti e vogliamo esser pronti per domenica prossima, alla prima di campionato. Giocare contro Kkovacevic? Uuros è un fratello, rivederlo mi fa sempre enorme piacere.